La particella di Maria

| No Comments

Oggi leggo una nota dell'Ansa dove si dice che: La 'particella di Dio' è alle strette: il raggio delle ricerche si è ristretto ulteriormente e potrebbe essere ormai questione di settimane arrivare alla risposta tanto attesa sull'esistenza o meno del bosone di Higgs dal quale dipende la massa.
http://ansa.it/web/notizie/specializzati/scienza/2011/08/22/visualizza_new.html_753567754.html

A sì? Non l'hanno ancora trovata? E dire che è da anni che la stanno cercando. Forse hanno sbagliato particella. Secondo me non si tratta della particella di Dio, ma della particella di Maria.

A leggere la nota dell'Ansa c'è da restare stupefatti sulle dichiarazioni rilasciate dai fisici del Cern: "Se il bosone di Higgs esiste, lo troveremo. Se invece non esiste, la situazione sarà ancora più intrigante perché questo significherà che deve esistere qualcos'altro, qualche altro fenomeno o qualche altra particella che svolga il ruolo attribuito al bosone di Higgs. La situazione è aperta e l'eccitazione è alle stelle".

Appunto, se non esiste la particella di Dio, vuol dire che deve esistere qualcosa d'altro di molto più intrigante: la particella di Maria. Decisamente! Una donna è molto più intrigante di un Dio che si nasconde e che ci prende in giro.

Ci vorrà, molto probabilmente, un altro Lhc, ma più grosso, molto più grosso, perché si tratterà di andare alla ricerca del punto G, il bosone G, la particella della massa gravitazionale, per cui ora presumo che sia urgente progettare un lhG dove si concentreranno gli studi dei fisici sulla massa gravitazionale della particella di Maria.

Leave a comment



Archives

Creative Commons License
This blog is licensed under a Creative Commons License.
Powered by Movable Type 4.35-en