Maxxi Internet Tim e credito azzerato

| 1 Comment

Voglio condividere con te questa mia esperienza molto simpatica in merito alla offerta Maxxi Internet della Tim che ho ancora attiva sul mio cellulare, attivata fin dall'inizio, anche se probabilmente non viene più commercializzata se non in casi speciali e solo per alcune tipologie di telefoni.

L'altro giorno, poco prima di mezzanotte non riuscivo a prendere sonno, mi sono collegato a Internet come sempre e ho incominciato a navigare allegramente dal mio terminale super tecnologico: un Htc Dream marchiato TIM (praticamente il clone del G1 di Google), senonché dopo alcuni minuti mi arriva un sms dalla TIM per dirmi che il mio credito è in esaurimento. In effetti, dopo aver controllato il credito, ho scoperto che il credito si era azzerato.

Telefono al 119 più incuriosito che amareggiato per sapere le ragioni di questo azzeramento totale del mio credito e l'operatore mi dice che poiché ho navigato a cavallo della mezzanotte proprio nell'ultimo giorno di validità dell'offerta Maxxi Internet, l'offerta non si è subito rinnovata perché ha bisogno di un "tempo tecnico" per rinnovarsi, durante il quale l'offerta rimane disattiva, così io avrei navigato inconsapevolmente con la tariffa traffico dati "ammazza credito" di 0,6 cent al Kbyte e mi sono ciulato tutto il credito rimasto, fino all'azzeramento. AH!

A questo punto, veramente amareggiato oltre che incredulo, penso a Napoletone e a Waterloo. Sì, penso a lui e alla sue parole di incoraggiamento: "prova di carattere, correre di più, stringere i denti, andare e segnare", siiiiiiiiii, goooool, come fece Napoletone a ... boh!. E' da quasi un anno che utilizzo la Maxxi Internet che si è sempre rinnovata di mese in mese senza problemi e non mi era mai capitato uno scherzo simile con questa promozione dati. Mi sono sentito preso in giro, come Napoletone, (cercalo su YouTube se non sai chi è) perché sul sito Tim , nel mio profilo tariffario, per la Maxxi Internet si legge: "ogni 30 giorni hai 50 MB giornalieri di navigazione internet su apn ibox.tim.it (solo per i terminali iPhone ed HTC DREAM) e Wi-Fi pubblico ed apn WAP e 1000 Instant Messages vs. TIM/Alice Messenger/Windows Live Messenger (solo per il traffico nazionale). Se termini i 50 MB prima del termine della giornata, con 1 euro hai a disposizione altri 30MB da consumare sempre nella giornata. Terminati anche questi, la tariffa a consumo e' di 0,6 centesimi di euro/KB IVA incl. (circa 6 euro a Megabyte). Se termini i 1000 Instant Messages i successivi saranno tariffati a 15 centesimi di Euro iva inclusa. L'offerta e' a tempo indeterminato con pagamento di 10 euro IVA incl. ogni 30 giorni ".

Hai capito? Quel furbone di Napoletone! L'offerta è a tempo indeterminato con pagamento di 10 euro ogni 30 giorni. Non c'è alcun riferimento a fantomatici "tempi tecnici" di attivazione alla scadenza. Del resto l'offerta viene pubblicizzata proprio per consentire il collegamento a Internet 24 ore su 24, caratteristica tipica dei nuovi telefoni palmari tipo iphone e Htc Dream che si connettono a Internet 24 ore su 24, programmati e configurati per controllare la posta o aggiornare i tuoi profili su vari siti Web. Una interruzione tecnica dell'offerta non sarebbe più compatibile con quanto pubblicizzato, perché tu non puoi prevedere quando il tuo cellulare si collega per controllare la posta. E se ti dicono che l'offerta è a tempo indeterminato e si rinnova automaticamente, tu ti fidi e non vai a pensare ai "tempi tecnici" in cui interrompere il collegamento in attesa che il "tempo tecnico" passi. Son problemi loro. Il mio problema invece è garantire sufficiente credito perché l'offerta possa rinnovarsi e non interrompersi alla scadenza.

Vaglielo a spiegare all'operatore Tim, il quale dopo vari inutili battibecchi mi indirizza al famigerato numero di Fax di Tim, il numero di fax dei clienti "senza speranza".

Come si fa a pensare al "tempo tecnico". Tu sei in autostrada che viaggi in auto collegato a GoogleMaps con il Gps attivo e ti stai scaricando i dati delle cartine con il percorso che stai facendo ed è quasi mezzanotte, ti sta scadendo l'offerta Internet, che fai? Ti fermi in mezzo all'autostrada, ti scolleghi e aspetti che passi il "tempo tecnico" e ti arrivi il messaggino che l'offerta si è riattivata per poterti ricollegare? E' assurdo! Ma come si fa ad andare avanti in questo modo. E se ti sei fermato in una zona che non prende? Aspetti, aspetti, aspetti e non ti arriva niente. Italia sveglia!

Così alla fine gli mando il fax con il mio reclamo alla Tim, azienda che io reputo seria e competente, sebbene questi inconvenienti da poco, per l'utenza sono fastidiosi e si potrebbero benissimo evitare con un po' di buon senso e un po' più di rispetto degli utenti prepagati.


"Spettabile Tim, intendo segnalare che, in conseguenza del mancato rinnovo della offerta Maxxi Internet al costo di 10 euro scaduta il 15/04/2010 che avrebbe dovuto rinnovarsi automaticamente il 16/04/2010, sussistendo un credito di circa 30 euro sulla mia scheda telefonica, il mio credito si è improvvisamente azzerato, essendomi collegato a Internet con traffico dati a tariffa piena, pensando che l'offerta Maxxi Internet si fosse rinnovata e quindi pensando di usufruire della tariffa promozionale.

Contattato un vostro operatore al 119 sulle motivazioni dell'azzeramento del mio credito, questi mi dice che per il rinnovo della offerta Maxxi Internet occorre aspettare un non ben precisato “tempo tecnico” a me sconosciuto e l'arrivo di un sms di conferma di rinnovo dell'offerta, durante il quale non ci si deve connettere altrimenti si paga il traffico dati a tariffa piena.

Questa giustificazione del “tempo tecnico”, a mio avviso, mi sembra una presa in giro nei confronti dell'utenza. A me risulta che precedentemente l'offerta Maxxi Internet si è sempre rinnovata automaticamente senza alcun problema essendo da quasi un anno che usufruisco di questa offerta. Voglio fare presente che l'offerta Maxxi Internet che prevede 50 megabyte di traffico gratuito al giorno per 30 giorni con rinnovo automatico alla scadenza dei 30 giorni, viene pubblicizzata e pensata apposta per quei telefoni cellulari come iphone e htc dream connessi a Internet 24 ore su 24.

Non è quindi pensabile e nemmeno compatibile con l'offerta pubblicizzata e a rinnovo automatico, che l'utente si ricordi che dopo 30 giorni l'offerta scade e possa impedire al cellulare di collegarsi a Internet, per via del “tempo tecnico”, se questo è pensato per essere collegato 24 ore su 24, per esempio, per controllare automaticamente, a scadenze periodiche ben precise, messaggi di posta su Google o su altri account.

Potrei capire l'azzeramento del credito, se sulla mia scheda telefonica non ci fosse stato credito a sufficienza per rinnovare l'offerta Maxxi Internet, ma non è il mio caso, visto che dal traffico dati si vede che mi sono stati addebitati 30 euro di traffico a cavallo della mezzanotte dal 15 al 16 aprile invece dei 10 euro necessari al rinnovo automatico dell'offerta Maxxi Internet.


Si tratta, secondo me, indubbiamente di un baco nel sistema informatico, ancora da risolvere.

Non sono l'unico ad avere questi inconvenienti pidocchiosi e non è nemmeno la prima volta. In passato ho dovuto scrivere al Garante delle Telecomunicazioni per segnalare un problema (poi risoltosi positivamente) di scarsa trasparenza sulle offerte di traffico dati agevolato per la connessione a Internet, in merito al corretto APN da usare per collegarsi. Ora siamo di nuovo da capo. Mi sa che mi toccherà compilare il modulo che il Garante mette a disposizione sul sito e scaricabile in formato pdf per fare pressione affinché questi inconvenienti non si ripetano.

Basta fare alcune ricerche sui motori di ricerca inserendo come chiave il famigerato numero di fax di Tim per i clienti "senza speranza", per trovare diverse esperienze simili alla mia. Si trova un popolo di persone costrette a fare i conti con addebiti non dovuti, sospensioni o interruzioni di servizio e vessazioni varie dovute in gran parte alla scarsa trasparenza delle offerte pubblicizzate. A me viene voglia di gridare: forza Napoletone!

Comunque oggi, dopo verifiche e dopo il mio fax di reclamo, la Tim mi ha riaccreditato i 30 euro, alleluia ! Per me 30 euro non sono pochi, ci navigo per tre mesi. Resto dell'idea che il cliente deve poter avere maggiore controllo sul proprio credito telefonico e poter disabilitare il traffico dati se non ci sono promozioni attive o nel caso queste vengono a scadere o se i bonus di dati e di tempo a sua disposizione compresi nelle varie offerte Internet si sono esauriti, in modo da bloccare il traffico dati e non venire spennato dalle tariffe ammazza credito degli operatori telefonici.

1 Comment

Pensando di avere una connessione a tempo, il 10 luglio ho perso 62 €. E me ne sono accorto solo ieri, dopo aver perso altri 60 € ed essere arrivato a quota 3,5 € di credito da 140 €. Ecco come buttare 130 € in 1 ora di connessione che doveva costarmi 4 € con la tariffa a tempo. Non saprei che fare. Tu credi che ci sia qualche speranza di riavere i 130€?

Leave a comment



Archives

Creative Commons License
This blog is licensed under a Creative Commons License.
Powered by Movable Type 4.35-en