GPRS Free Internet

| No Comments

Nel mio paese non arriva l' ADSL, è un grosso handicap per un programmatore webmaster del mio calibro. Conscio del problema, ho ripiegato sulla Gprs Free Internet, collegamento flat a Internet, offerta inizialmente a 10 euro mensili, poi a 20 euro, ora eliminata, ma che ti permetteva di collegarti a Internet senza costi aggiuntivi. Andava discretamente e mi ha permesso di assaporare l'always on virtuale per alcuni mesi. Tuttavia la compagnia telefonica ha deciso di non rinnovare la promozione sostituendola con un pacchetto dati di 20 megabyte a consumo.

Povera Italia! Ma soprattutto povero me. Come farò ora a esprimere tutto il mio potenziale su Internet? L'Italia non ti dà certezze. Oggi puoi fare conto su certe offerte, domani non più. Ma come si fa a programmare un budget di spesa, una attività, un progetto in queste condizioni, dove le compagnie telefoniche fanno il belo e il cattivo tempo?

Oggi ti danno e domani ti tolgono. Ho pensato che dovevo fare qualcosa per non morire.

La soluzione è stata che non ho rinnovato l'offerta, scherziamo! 20 Mega, 20 euro. 20 Mega li faccio in 3-4 giorni di navigazione e controllo della posta. Poiché opero in rete da vari anni e avendo vari siti aperti, con indirizzi di posta sparsi qua e là, mi arriva un sacco di spam e di email con allegati virus di diverse centinaia di kilobyte, quindi 20 Mega volano senza che io riesca ad accorgermene. E io dovrei pagare tutta sta spazzatura un euro al Mega? Lasciamo perdere.

Peccato! L'Italia invece di evolvere preferisce arretrare con le compagnie telefoniche complici. Non c'è da meravigliarsi, infatti l'Italia ha perso la guerra con una resa incondizionata. Non abbiamo le palle!

Se ci pensi bene ti accorgi che eliminare la flat non è stata una politica furba e tantomeno intelligente da parte della azienda di telefonia mobile, infatti io non mi collego e tengo il cellulare spento a oltranza, loro non guadagnano un tubo e perdono possibili telefonate in entrata.

E' da queste cose che si capisce come l'Italia è riuscita a perdere la guerra.

Sono opportunità perse, al di là dei piani di marketing delle varie aziende, l'always on, a mio avviso, è una opportunità importante per la crescita e l'evoluzione di un paese come l'Italia.

Se hai bisogno di una informazione, di un aiuto nel tuo lavoro, in famiglia, ti colleghi, cerchi su Internet, qualcosa trovi e se non trovi puoi confidare nell'aiuto dei forum e dei newsgroup. Queste ricerche le puoi fare con serenità se non sei assillato dai secondi che trascorrono o dai byte che si consumano.

Pazienza, quando vuol dire essere fessi, fessi siamo e fessi restiamo.

Nel frattempo è uscito il decreto che intende regolarizzare le reti Wi-fi. A molti non piace, nemmeno a me.

Leave a comment



Archives

Creative Commons License
This blog is licensed under a Creative Commons License.
Powered by Movable Type 4.35-en