Home page
Chi siamo

Chiedilo all'esperto
Forum
Sondaggi

Unisciti a noi
Lettere ricevute

Cerca nel sito

Compra e vendita
Tasse e imposte

Sicurezza in casa

Le assicurazioni
I mutui
Le aziende
Agenzie immobiliari

Newsletter

Noi proprietari
Siamo espropriati
Difendiamoci
Cosa vogliamo


Staff la casa
Via Circonvallazione 120
I-10072 Caselle (To)

Indirizzo email
Aggiornata al


Scrivi al Webmaster

Chiedilo all'amministratore Ivano Di Meo

L'amministratore immobiliare Ivano Di Meo, Iscritto Albo A.N.AMM.I. n. C100, offre la sua collaborazione rispondendo ai tuoi quesiti nel ramo Amministrazione Immobiliare e Gestione Condominiale.

Le risposte verranno date compatibilmente con gli impegni professionali dell'amministratore.


Scrivi il tuo quesito
Elenco dei quesiti
Le risposte più recenti
Cerca:
or and
Ivano Di Meo
Tel. 347.8076604
Email: gd.ammservice@tiscali.it
  • Titolo: Amministratore senza compenso di Ugo Cabalisti del 24/11/2003, 12:19
    Quesito: Buongiorno Sig Di Meo,
    Le volevo chiedere se è possibile creare una situazione come quella che Le descrivo:
    - Mia suocera è unica proprietaria di uno stabile che comprende un bar trattoria (con locazione commerciale) e due appartamenti (uno con locazione privata).
    Gli inquilini sono quindi due più la proprietaria, dunque tre. Non sussiste l'obbligo di avere un amministratore, ma, per comodità, ho sempre gestito io tutte le situazioni giuridico/amministrative.
    E' possibile che mia suocera ufficializzi me come amministratore senza compenso, con una lettera d'incarico, in modo che io possa far valere i diritti del proprietario nei confronti dei condomini, possa far rispettare regolamenti ed altro, a nome e per conto di lei ?
    Ringraziando anticipatamente per la risposta, Le chiedo cortesemente di inviarla al mio indirizzo:
    ugo.cabalisti@tiscalinet.it.
    Cordiali saluti
    • Re: Amministratore senza compenso di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 13:07.
      Salve Sig. Ugo,

      Si.


      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: INFILTRAZIONI ACQUA PIOVANA di Mauro COLANTONI del 23/11/2003, 16:42
    Quesito: gentile amministratore,
    abito in un condominio costituito da 16 appartamenti con relativi garages e cantine poste al piano terra del fabbricato, finito di costruire nell'anno 1987.
    Il locale seminterrato è di proprietà di una sola condomina. Esso si estende per tutta la superficie del fabbricato fuoriuscendone per circa 1,2 mt. da tutto il perimetro. All'interno dello stesso non esiste alcun intercapedine ma confina direttamente con i muri di contenimento e nella parte di solaio sporgente dal corpo del fabbricato vi erano dei lucernari costruiti con vetrocemento affogato nel calcestruzzo del solaio, i quali servivano a dare luce al seminterrato.
    Subito dopo l'acquisto del locale, avvenuto circa 12 anni fà, direttamente dalla ditta costruttrice, la proprietaria lamentava a quest'ultima, delle infiltrazioni di acqua piovana proveniente da alcuni lucernari.- La ditta costruttrice nel corso degli anni ha effettuato più interventi, anche ricoprendo tutta la superfice del seminterrato che sporge dal parimetro del fabbricato, con una guaina bitumosa d'asfalto, senza mai risolvere definitivamente il problema. Da un paio di anni la ditta costruttrice è fallita e comunque sono trascorsi più di 10 anni dalla costruzione del palazzo.-
    Ora la proprietaria del seminterrato, ha chiesto al condominio, la esecuzione dei lavori che risolvano definitivamente le infiltrazioni di acqua piovana. Ma la suddetta non avrebbe dovuto interessare, a suo tempo, la ditta costruttrice per la definitiva eliminazione delle infiltrazioni, senza far scadere i termini per un eventuale ricorso.
    Quella parte di solaio che fuoriesce dal perimetro del fabbricato, come va considerata? E le eventuali spese di riparazioni di chi sono a carico, considerato che se avesse fatto presente il problema a tempo debito, il condominio avrebbe potuto rifarsi sul costruttore?
    Ringraziando, porgo distinti saluti.

    COLANTONI Mauro, via Renato Guttuso nr.1 Civitavecchia
    e-mail colamauro@tiscali.it
    • Re: INFILTRAZIONI ACQUA PIOVANA di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 13:06.
      Salve Sig. Mauro,

      nel regolamento condominiale vi sono elencate le parti comuni dell'edificio.

      Se parte comune, dovrete interessare i lavori a livello condominiale.


      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Amministratori assenti di Enrico del 23/11/2003, 16:30
    Quesito: Nel 2000 appena arrivati nella nuova casa abbiamo partecipato alla 1 assemblea di condominio, nella quale erano state deliberate tante cose tra cui l'adeguamento della 46/90. Da quel momento non è stato fatto assolutamete nulla e l'amministratrice non ha promosso altre assemblee anche se richieste, fino al aprile 2002, nella quale è stata mandata via senza approvare i bilanci dal 2000.
    Il nuovo amministratore presentatoci dall'avvocato che ha aiutato a mandare via la precedente amministratrice, non si è comportato meglio. Da aprile 2002 infatti, non ha convocato nessuna assemblea, nenche per presentarsi, e non ha neanche inviatoi bollettini di pagamento da luglio 2002.
    Con altri condomini abbiamo richiesto un assemblea in autoconvocazione nella quale abbiamo destituito l'aamnistratore, il quale era presente e ci ha detto che aveva anticipato i soldi di tasca sua.
    Dobbiamo nominare un amministratore giudiziario o farlo uno di noi condomini per capire la situazione visto che sono 3 o 4 anni che non sappiamo nulla del condominio e non si approva un bilancio?

    Saluti
    Enrico
    • Re: Amministratori assenti di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 13:03.
      Salve Sig. Enrico,

      se puo' tornarle utile mi indichi da quale comune mi scrive e le indichero' un professionista del settore.

      Comunque puo' farlo anche un condomino.

      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Cosa devo fare? di Isa del 23/11/2003, 01:11
    Quesito: Gentile amm.re mi rivolgo a lei per chiederle se ci sono estremi per una revoca o magari per una denuncia.

    1) Ho appena scoperto che l'amm.re del mio condominio tre anni fa non ha inserito in consuntivo lavori straordinari per cui ha chiesto oltre 6.000.000 e di cui da approvazione mi spettava un quota di 3.000.000.
    L'amm.re si rifiuta di farmi vedere i documenti.
    Per motivi non chiari gli altri sei condomini non sono interessati ad avere una dimostrazione delle spese sostenute per tanto non posso richiedre assemblea.
    L'amm.re non ritira le raccomandate.
    Che posso fare? Posso chiederne la revoca?
    2) Mi sono anche accorta che per altri lavori per redigere le tabelle millesimali ha dichiarato insieme al professionista ed un altro condomino una somma di 3.000.000 ed io ho pagato in quota parte su quella. Poi il condominio è stato colpito da decreto ingiuntivo dallo stessto professionista. Dal decreto ingiuntivo la somma richiesta in origine era appena di 1.500.000.
    Anche qui i sei condomini non sono interessati.
    Posso denunciare l'accaduto?
    • Re: Cosa devo fare? di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 13:01.
      Salve Sig.ra Isa,

      si rivolga all'autorita' giudiziaria.

      Comunque se le puo' tornare utile mi indichi da quale comune scrive e la indirizzero' presso un professionista del mestiere.

      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: spese di manutenzione ordinari di Mauro del 22/11/2003, 14:38
    Quesito: Gradirei,gentilmente sapere se le spese di manutenzione della caldaia e dei pozzi neri sono a carico del locatore o del locatario.E se all'interno dell'edificio adibito a studio dentistico ci sono delle infiltrazioni (d'acqua quindi umidita' in diverse parti delle stanze) lavori che vengono eseguiti all'incirca ogni due anni,sono a carico del locatario?RingraziandoLa anticipatamente porgo i miei saluti.

    Mauro
    • Re: spese di manutenzione ordinari di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 12:58.
      Salve Sig. Mauro,

      mi indichi un recapito email e le inviero un documento di sicuro interesse.


      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: deturpamento facciata di simone betti del 22/11/2003, 14:30
    Quesito: Abito in un condominio di 4 appartamenti.
    Senza chiedermi niente gli altri 3 proprietari hanno passato esternamente alla facciata principale del palazzo un tubo per il gas.
    posso oppormi a tale decisione arbitraria,anche se sono in minoraza ?
    Come devo fare per impedire che proseguano i lavori ?

    Grazie
    • Re: deturpamento facciata di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 12:57.
      Salve Sig. Simone,

      Deve rivolgersi all'autorita' giudiziaria sempreche l'assemblea con delibera approvi tale passaggio.



      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: bilanci consuntivi ed prevent di Giuliano del 22/11/2003, 13:47
    Quesito: Quale è il limite massimo per la presentazione dei bilanci consuntivi e preventivi da parte dell'amministratore a partire dalla data di chiusura dell'anno finanziario??
    • Re: bilanci consuntivi ed prevent di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 12:55.
      Salve Sig. Giuliano,

      Art. 1129 (Nomina e revoca dell'Amministratore)
      Quando i condomini sono più di quattro, l'assemblea nomina un amministratore. Se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria, su ricorso di uno o più condomini. L'amministratore dura in carica un anno e può essere revocato in ogni tempo dall'assemblea. Può altresì essere revocato dall'autorità giudiziaria, su ricorso di ciascun condomino, oltre che nel caso previsto dall'ultimo comma dell'art. 1131, se per due anni non ha reso il conto della sua gestione, ovvero se vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità. La nomina e la cessazione per qualunque causa dell'amministratore dall'ufficio sono annotate in apposito registro.


      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Vicini maleducati di Laura Longo del 22/11/2003, 10:13
    Quesito: SALVE,
    DA CIRCA 3 MESI E' VENUTA AD ABITARE IN AFFITTO SOPRA AL MIO APPARTAMENTO UNA FAMIGLIA DI MALEDUCATI ED INCIVILI CHE HANNO DELLE BAMBINE CHE PER CASA NON CAMMINANO NORMALMENTE MA SCALPITANO DA UNA PARTE ALL'ALTRA DELLA CASA CHE TRA L'ALTRO E' PICCOLA. C'E' DA AGGIUNGERE CHE SPOSTANO LE SEDIE E I TAVOLI IN CONTINUAZIONE (UN GIORNO LO HANNO FATTO PER 4 ORE CONSECUTIVE)E CADONO OGGETTI OGNI 5 MINUTI, TUTTO CIO' MOLTO SPESSO ANCHE DOPO LE 22.00 E LA MATTINA PRESTO INTORNO ALLE 7.00! PREMETTO CHE HO ESPOSTO IL MIO PROBLEMA ALL'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO CHE MI HA DETTO DI RIVOLGERMI AL PROPRIETARIO. ORA VORREI CORTESEMENTE CHIEDERLE: POSSO FARE QUALCOSA PER TUTELARMI DAL MOMENTO CHE HO PARLATO CON QUESTE PERSONE DIVERSE VOLTE PER SENTIRMI DIRE CHE A CASA LORO FANNO QUELLO CHE VOGLIONO? IL PROPRIETARIO E' RESPONSABILE? COSA POSO FARE?
    LA RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE.
    • Re: Vicini maleducati di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 12:51.
      Salve Sig.ra Laura,

      vi e' un regolamento comunale che indica espressamente le ore di quiete.

      Si rivolga alla Polizia competente.

      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: infiltrazioni e riparazioni 2 di Michele del 21/11/2003, 20:09
    Quesito: Egregio Dott. Di Meo, scusi se le riscrivo subito, ma ho riletto la mia domanda precedente e l'ho trovata mal scritta, dunque:
    3-4 anni un proprietario ha ricavato dalla sua soffitta, posta sopra il suo appartamento dell'ultimo piano, un locale mansardato ed una terrazza, eliminando così una parte del tetto sulla sua ex-soffitta.
    Ha poi unito il tutto, al suo appartamento sottostante tramite una scala.
    Il resto del tetto non è stato toccato.
    Da 2-3 anni, ci sono infiltrazioni periodiche tra la sua proprietà (mansarda e terrazzo) ed altre parti confinanti, anche muri portanti condominiali.
    Io sono entrato da poco nello stabile e ho saputo che appunto da 2-3 anni, vengono periodicamente deliberate spese per interventi di manutenzione straordinaria urgente, proprio nella zona di tetto in cui quel condomino ha effettuato la modifica.
    Sono già stati effettuati 3 interventi e anche in questa assemblea, all'ordine del giorno, c'è un altro intervento.
    Siccome molti condomini sono anziani e l'amministratore è molto sbrigativo, so che hanno sempre approvato l'ordine del giorno senza esaminare a fondo le questioni.
    E' possibile, anche dopo 3-4 anni dalla realizzazione di questa mansarda e questa terrazza (private), verificare se gli addebiti a tutti i condomini per le riparazioni, siano in realtà causate da una cattiva esecuzione delle opere di quel proprietario?
    Non è che il "furbone" si è fatto pagare riparazioni per danni causati da lui stesso o dalla sua ditta, da tutto il condominio?
    Grazie mille, Michele.
    • Re: infiltrazioni e riparazioni 2 di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 12:50.
      Salve Sig. Michele,

      le ribadisco la risposta data al primo quesito.

      Deve far visionare da un tecnico specializzato il manufatto dato che se tali infiltrazioni dipendono da lavori eseguiti in malomodo i danni sono da attribuirsi alla ditta che li ha eseguiti.

      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: AMMINISTRATORE di ANGELO del 21/11/2003, 17:40
    Quesito: Salve,ho acquistato di recente un locale commerciale all'interno del quale, dopo le opportune autorizzazioni del comune e dell'amministratore (proprietario anche di un appartamento nello stesso stabile) dello stabile, sto costruendo un bagno cieco sul retro.
    In corso d'opera l'amministratore mi ha ordinato di far chiudere il buco dell'areazione forzata (circa 20 centimetri)che da all'esterno nel cortile, praticato dal mio muratore.
    Alle mie richieste di spiegazioni, l'amministratore mi ha risposto semplicemente che non voleva e basta.Al che ho richiesto di entrare in possesso del regolamento di condominio per sapere cosa diceva in merito.
    Risposta dell'amministratore" ho solo il mio e non glielo voglio dare".
    Cosa devo fare? Dove posso recuperarlo?
    Fino a che punto arrivano i suoi "poteri"?
    Posso indire un'assemblea straordinaria per discutere insieme agli altri condomini del ploblema sia del suo comportamento, sia del buco ?
    Grazie anticipatamente di una Vostra risposta.
    • Re: AMMINISTRATORE di Ivano Di Meo del 24/11/2003, 12:47.
      Salve Sig. Angelo,

      tale ammionistratore con talune risposte pecca di professionalita.

      Il regolamento condominiale e' un diritto di ogni partecipante e pertanto l'amministratore e' tenuto a fornirlo su richiesta.

      Se il buco e posto su muro condominiale sarebbe consigliabile chiedere l'autorizzazione all'assemblea dei condomini.

      Per l'operato dell'amministratore, vi consiglio di rivolgervi ad un professionista del settore, ed all'uopo se puo' tornarle di utilita' mi indiche il comune da cui scrive e le indivhero' una persona idonea.

      Mi tenga informato anche via Email

      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

Pagina: 10 di 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 |