Home page
Chi siamo

Chiedilo all'esperto
Forum
Sondaggi

Unisciti a noi
Lettere ricevute

Cerca nel sito

Compra e vendita
Tasse e imposte

Sicurezza in casa

Le assicurazioni
I mutui
Le aziende
Agenzie immobiliari

Newsletter

Noi proprietari
Siamo espropriati
Difendiamoci
Cosa vogliamo


Staff la casa
Via Circonvallazione 120
I-10072 Caselle (To)

Indirizzo email
Aggiornata al


Scrivi al Webmaster

Chiedilo all'amministratore Ivano Di Meo

L'amministratore immobiliare Ivano Di Meo, Iscritto Albo A.N.AMM.I. n. C100, offre la sua collaborazione rispondendo ai tuoi quesiti nel ramo Amministrazione Immobiliare e Gestione Condominiale.

Le risposte verranno date compatibilmente con gli impegni professionali dell'amministratore.


Scrivi il tuo quesito
Elenco dei quesiti
Le risposte più recenti
Cerca:
or and
Ivano Di Meo
Tel. 347.8076604
Email: gd.ammservice@tiscali.it
  • Titolo: presenza di estranei alla riun di bernardo del 17/07/2003, 23:16
    Quesito: Caro Ivano, mi permetto di darti del tu, perchè ti sento vicino ai nostri problemi condominiali volevo chiederti se alla riunione ordinaria possono esser presenti degli estranei sebbene alcuni condomini ne abbiano chiesto l'allontanamento ed altri no.
    grazie per l'attenzione
    • Re: presenza di estranei alla riun di Ivano Di Meo del 18/07/2003, 09:02.
      Salve Bernardo,

      effettivamente l'assemblea e' dei partecipanti al condominio e sarebbe buona norma chiedere il consenso assembleare per eventuali estranei al condominio.

      A meno di una eventuale mandato che conferisca poteri decisionali per punti iseriti nell'ordine del giorno.

      Tienimi informato

      Se vuoi puoi anche contattarmi via email:
      gd.ammservice@tiscali.it

      Saluti

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Piscina nel giardino comune di Francesco Vinci del 17/07/2003, 15:21
    Quesito: Sono proprietario di un appartamento in un condominio e le scrivo per avere un suo parere in merito a questo fatto:
    recentemente una famiglia ha occupato parte del giardino comune (tutta le sezione che appoggia sul lato corto della casa) con una piscina gonfiabile molto grande, sedie e ombrelloni, adibendola in pratica ad una specie di spiaggia dove prendere il sole, far fare una nuotatina ai piccoli, fare chiasso tipo Milano Marittima, ecc.

    Dietro mia specifica rimostranza all'amministratore, lo stesso ha avvisato la famiglia "responsabile" ricevendo una risposta del tipo: ".... facciamo quello che ci pare!"

    Ora le chiedo:

    1) essendo il giardino una parte comune (siamo 50 famiglie), è possibile farne un uso simile anche, per assurdo, sgonfiando la piscina ogni sera in modo da farne risultare una occupazione temporanea?

    2) se sì, posso stornare dalle spese condominiali la parte relativa al taglio erba, annaffiatura, e consumo acqua comune (per riempire la piscina usano chiaramente la pompa condominiale)?

    3) se al condomino non fosse permesso tutto questo, potrebbe lo stesso mettere ai voti, nella prossima assemblea condominiale, tale uso del giardino (magari tra amici e condomini a cui la cosa non da fastidio riuscirebbe ad avere la maggioranza necessaria)?

    La ringrazio per la sua cortesia.
    • Re: Piscina nel giardino comune di Ivano Di Meo del 18/07/2003, 09:15.
      Salve Francesco,

      a meno di particolari utilizzi delle parti comuni inserite nel regolamento condominiale, non credo sia questo il caso, l'amministratore deve vigilare sul corretto utilizzo delle parti comuni che devono essere godibili in egual misura da tutti i condomini.

      Ora tali persone stanno abusando indebitamente della proprieta' comune ed eventuali danni, causati da tale uso, devono essere rimborsati.

      Sul consumo dell'acqua, avendo un contatore generale, non si potrebbe stornare la spesa quindi tutto il condominio dovrebbe pagare.

      Ecco perche' ti dico che l'Amministratore deve porre un freno anche utilizzando le Vie Legali.

      Naturalmente, tale condomino potrebbe richiedere la votazione in assemblea, previo inserzione nell'ordine del giorno, ma deve comunque essere approvata.

      Tienimi informato anche via Email
      gd.ammservice@tiscali.it

      Saluti

      Ivano Di Meo

  • Titolo: "Re: Collaudo Ascensori" di Davide Tincani del 17/07/2003, 11:31
    Quesito: Ivano Buongiorno, scusi se la disturbo di nuovo.....mi pare di capire che quindi chi deve pagare il collaudo è il costruttore, che deve rilasciare (per legge?) un ascensore agibile.

    e' corretta la mia interpretazione ?
    Grazie
    Saluti
    Davide Tincani
    • Re: "Re: Collaudo Ascensori" di Ivano Di Meo del 17/07/2003, 11:36.
      Salve Davide,

      esattamente dato che il collaudo rientra nella messa in opera dell'impianto stesso.

      Mi tenga informato

      Saluti

      Ivano Di Meo

  • Titolo: assicurazione sugli stabili di lino j. del 16/07/2003, 21:56
    Quesito: Sono proprietario di un appartamento da circa otto anni, da quando abito qui dico all'amministrtore di fornire allo stabile l'assicurazione come di legge ma lo stesso fa finta di niente. Ultimamente si è staccato un pezzo del cornicione fortunatamente senza procurare danni a nessuno essendo caduto di notte. Posso scrivere all'amministratore in modo da rendermi non responsabile per eventuali danni cagionati a terzi e rendere lo stesso responsabile? quali articoli posso citare? GRAZIE.
    • Re: assicurazione sugli stabili di Ivano Di Meo del 17/07/2003, 11:52.
      Salve Lino,

      il " Contratto di Assicurazione Globale di Fabbricato "
      e' necessaria per tutelare il condominio.

      Ora l'amministratore deve ricevere mandato dall'assemblea per il suddetto contratto assicurativo.

      Se nel regolamento di condominio e' gia' presente tale onere da parte dell'amministratore, allora quest'ultimo e' obbligato all'esplicazione.
      In caso contrario, come le scrivevo, l'assemblea deve dare mandato, con delibera approvata, all'amministratore medesimo.

      Saluti

      Ivano Di Meo

  • Titolo: servitù e lavori tetto abbaino di susanna santi del 16/07/2003, 15:52
    Quesito: Gentilissimo,

    sono proprietaria di un terrazzo a livello confinante con l'abbaino del vano scale condominiale.
    Ora si sono resi necessari dei lavori sul tetto dell'abbaino. A tale tetto si può accedere sia dal mio terrazzo che dal terrazzo condominiale.
    Sono obbligata comunque ad assicurare la servitù di passaggio, con la presenza sul mio terrazzo dei muratori, oppure posso pretendere che accedano al tetto unicamente dal terrazzo condominiale?
    Grazie per la risposta. Cari saluti Susanna
    • Re: servitù e lavori tetto abbaino di Ivano Di Meo del 16/07/2003, 16:09.
      Salve Susanna,

      sono due le possibilita':

      1 - Se sul regolamento rilasciato dal costruttore vi sia annotato che il suo terrazzo ingloba una servitu' condominiale per il tetto, allora SI.

      2 - Se nulla e' citato, lei non e' tenuta ad assicurare servitu' di passaggio dato che vi e' il modo di accesso tramite terrazzo condominiale.

      Saluti

      Ivano Di Meo

  • Titolo: pulizia scale di Giusi del 16/07/2003, 15:34
    Quesito: buongiorno...Le scrivo per avere delucidazioni a riguardo delle pulizie del vano scale. Abito in una palazzina di tre piani.Il mio appartamento è posto al primo piano.ci siamo accordati tra condomini per la pulizia del vano scale e cantine;Le chiedo:durante il mio turno devo necessariamente partire dal terzo piano ad effettuare la pulizia o posso partire dal piano dove abito, sino alle cantine? grazie per l'attenzione.Distinti saluti.
    • Re: pulizia scale di Ivano Di Meo del 16/07/2003, 16:05.
      Salve Giusi,

      non so come sono gli accordi presi.

      Se e' prevista la pulizia dell'intera rampa di scale, lei, indifferentemente da dove parte, dovra' assicurare la pulizia dell'intera rampa di scale.

      Se puo' mi descriva bene l'accordo, e se vi fosse mi soedisca via email l'eventuale delibera assembleare.

      Saluti

      Ivano Di Meo

  • Titolo: indici ISTAT per gli affitti di Francesca Lionetto del 16/07/2003, 14:05
    Quesito: Egregio Avv. Florio,

    vorrei rivolgerLe un quesito a proposito degli indici ISTAT per l'aggiornamento degli affitti.
    Ho letto che la variazione annuale dell'indice per l'equo-canone dal maggio 2002 al maggio 2003 è 1.8%.
    Però non ho trovato la variazione cumulativa al 75% dal 1978 al 2003.
    Potrebbe indicarmi gentilmente il valore della variazione totale (1978-2003) ed anche la modalità di calcolo per ricavarla di anno in anno?

    In attesa di una Sua gradita risposta, La saluto cordialmente.
    • Re: indici ISTAT per gli affitti di Ivano Di Meo del 16/07/2003, 15:10.
      Salve Francesca,

      dimenticavo

      Dato Istat di Giugno 1978 - Giugno 2002 per la Legge 392/78 sull'Equo Canone

      Sommatoria 124,880% - Indicizzato 231,030% - Assoluto 286,650%

      http://www.sicet.it/istat12.htm
      sito di riferimento

      Saluti

      Ivano Di Meo

      Amministratore Immobiliare
      Iscritto Albo Professionisti A.N.AMM.I. n. C100

      Perizie, Consulenza e Preventivi Condominiali
      Email: gd.ammservice@tiscali.it
    • Re: indici ISTAT per gli affitti di Ivano Di Meo del 16/07/2003, 14:59.
      Salve Francesca,

      non sono l'Avv. Florio ma ho trovato sul sito

      http://www.ancab.it/online/gu1999/D91691.htm

      notizie che potrebbero esserle utili.

      Saluti

      Ivano Di Meo

      Amministratore Immobiliare
      Iscritto Albo Professionisti A.N.AMM.I. n. C100

      Perizie, Consulenza e Preventivi Condominiali
      Email: gd.ammservice@tiscali.it

  • Titolo: PROFESSIONE di GIANNI del 15/07/2003, 12:22
    Quesito: SONO UN DIPENDENTE PUBBLICO, VORREI SAPERE SE POSSO FARE L'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO.
    SALUTI. GRAZIE
    • Re: PROFESSIONE di Ivano Di Meo del 15/07/2003, 15:37.
      Questo per evitare conflitti di interesse.

      Saluti

      Ivano Di Meo

      Amministratore Immobiliare
      Iscritto Albo Professionisti A.N.AMM.I. n. C100

      Perizie, Consulenza e Preventivi Condominiali
      Email: gd.ammservice@tiscali.it
    • Re: PROFESSIONE di Ivano Di Meo del 15/07/2003, 14:02.
      Salve Gianni,

      se lavori in una amministrazione pubblica devi chiedere l'autorizzazione alla tua amministrazione.

      Saluti

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Collaudo Ascensori di Davide Tincani del 15/07/2003, 11:11
    Quesito: Buongiorno, nel corso del 2002 è stato effettuato il collaudo degli ascensori del nostro condominio (costruito nel 2000), ci siamo cosi' ritrovati a dover pagare la somma di 1260 euro per ogni ascensore..........Questa spesa non dovrebbe essere a carico del costruttore ?
    Grazie
    Saluti
    Davide Tincani
    • Re: Collaudo Ascensori di Ivano Di Meo del 15/07/2003, 11:48.
      Salve Davide,

      il rilascio dell'agibilita' di un'impianto deviva dal collaudo dello stesso.

      Pertanto il costruttore per renderlo agibile deve collaudarlo.

      Se l'impianto viene successivamente ammodernato, con lavori straordinari, tutto rientra nella spesa di preventivo approvata in sede assembleare.

      Saluti

      Ivano Di Meo

      Amministratore Immobiliare
      Iscritto Albo Professionisti A.N.AMM.I. n. C100

      Perizie, Consulenza e Preventivi Condominiali
      Email: gd.ammservice@tiscali.it

  • Titolo: tabella mill riscaldamento di claudia del 14/07/2003, 16:08
    Quesito: di recente il mio condominio ha deciso di rifare la tabella relativa al riscaldamento. il perito incaricato nel calcolarla ha tenuto conto del volumen dell'appartamento e delle kcal dei radiatori, facendone una media ma poi ha moltiplicato per 1 il risultato per i radiatori di alluminio , mentre ha diviso per 0.3 e 0.5 quelli in ghisa e ferro dimezzando così la loro spesa. E' un criterio giusto? e il consumo della potenza della caldaia dei 3 diversi tipi di radiat è in effetti diverso oppure quelli in ghisa scaldano meno ma la potenza utilizzata è la stessa di quelli in alluminio.grazie mille aiuuuuuto domani sera ho l'assemblea e non so cosa dire!
    grazie
    • Re: tabella mill riscaldamento di Ivano Di Meo del 15/07/2003, 09:15.
      Salve Claudia,

      ogni tecnico stila a sua esperienza le tabelle millesimali.

      Comunque ti consiglio di diminuire il fattore di moltiplicazione dei radiatori di alluminio a 0.7 ed aumentare ghisa e ferro a 0.5 e 0.6.

      Naturalmente la tabella millesimale deve essere votata dall'assemblea pertanto avete la possibilita' di consultare un altro tecnico.

      Saluti

      Ivano Di Meo

      Amministratore Immobiliare
      Iscritto Albo Professionisti A.N.AMM.I. n. C100

      Perizie, Consulenza e Preventivi Condominiali
      Email: gd.ammservice@tiscali.it

Pagina: 35 di 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 |