Home page
Chi siamo

Chiedilo all'esperto
Forum
Sondaggi

Unisciti a noi
Lettere ricevute

Cerca nel sito

Compra e vendita
Tasse e imposte

Sicurezza in casa

Le assicurazioni
I mutui
Le aziende
Agenzie immobiliari

Newsletter

Noi proprietari
Siamo espropriati
Difendiamoci
Cosa vogliamo


Staff la casa
Via Circonvallazione 120
I-10072 Caselle (To)

Indirizzo email
Aggiornata al


Scrivi al Webmaster

Chiedilo all'amministratore Ivano Di Meo

L'amministratore immobiliare Ivano Di Meo, Iscritto Albo A.N.AMM.I. n. C100, offre la sua collaborazione rispondendo ai tuoi quesiti nel ramo Amministrazione Immobiliare e Gestione Condominiale.

Le risposte verranno date compatibilmente con gli impegni professionali dell'amministratore.


Scrivi il tuo quesito
Elenco dei quesiti
Le risposte più recenti
Cerca:
or and
Ivano Di Meo
Tel. 347.8076604
Email: gd.ammservice@tiscali.it
  • Titolo: lastrico solare di alessandra del 06/10/2003, 11:59
    Quesito: Innanzi tutto buongiorno,sono proprietaria di un attico con terrazzo che fa da tetto agli appartamenti sottostanti:una canala intasandosi ha provocato dei danni agli appartamenti sottostanti,a chi spettano le riparazioni e l'imbiancatura?
    • Re: lastrico solare di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 16:35.
      Salve Sig.ra Alessandra,

      la canala in realta' serve tutto il condominio pertanto la spesa va ripartita tra tutti i condomini in ragione del valore millesimale dell'appartamento.


      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Ascensori. di petrucco del 06/10/2003, 10:44
    Quesito: Buongiorno,
    Abito in un condominio di 6 unita'provvisto di ascensore,che serve gli utenti come segue:
    Piano terra 1 ufficio
    piano primo 2 appartamenti
    piano secondo 2 appartamenti
    il terzo piano,non e' servito dall'ascensore ma solo da scale,(al terzo piano c'e' solo il mio appartamento).dunque l'ascensore lo posso usare fino al secondo piano.
    per il calcolo delle tabelle millesimali,(in considerazione che il coefficiente di altezza cambia se lo stabile ha o no l'ascensore) sono penalizzato dalla mancanza del 'ascensore oppure devo pagare come se mi arrivasse al piano terzo?
    grazie
    • Re: Ascensori. di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 16:32.
      Salve Sig. Petrucco,

      Art. 1123 (Ripartizione delle spese)
      Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione. Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne. Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità.


      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: suddivisione spese acqua cond. di concovia michele del 05/10/2003, 12:25
    Quesito: In un condominio di 8 alloggi, si è deciso di procedere con l'installazione di contatori dell'acqua in ciascun alloggio.
    Vorrei sapere con che criterio all'arrivo della bolletta bisognerà dividere le spese.
    Naturalmente per ciò che riguarda il consumo immagino di scorporare la spesa di consumo dalle tasse della bollletta, trovare il prezzo unitario di ciascun metrocubo e moltiplicare per il consumo di ciascun alloggio. Se il consumo dell'acqua della bolletta non coincide con la somma dei consumi di ciascun alloggio , l'eventuale consumo di acqua considerata in dispersione com va divisa tra i condomini? Le spese fisse dela bolletta "tasse,iva, ecc ecc", come vanno suddivise tra i condomini.
    • Re: suddivisione spese acqua cond. di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 16:30.
      Salve Sig. Michele,

      Art. 1123 (Ripartizione delle spese)
      Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione. Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne. Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità.

      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: infissi di Vincenzo Donnarumma del 05/10/2003, 01:02
    Quesito: carissimo dott.Di Meo un condomino ha installato infissi di colore bianco mentre quelli degli altri condomini sono tutti di colore marrone ha violato le leggi condominiali e di estetica? il mio vicino sostiene che quando dopo gli infissi ci sono tapparelle di colore marrone non ce nessuna violazione e vero?




    distinti saluti

    Vincenzo Donnarumma
    • Re: infissi di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 16:27.
      Salve Sig. Vincenzo,

      bisogna in questi casi rispettare il decoro dell'edificio.

      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: PROBLEMA CON UN GARAGE di DARIO del 04/10/2003, 20:17
    Quesito: CARO ESPERTO VOLEVO SAPERE SE IL PROPRIETARIO DI UN GARAGE SITUATO AL PIANOTERRA DI UNO STABILE (UN TEMPO APPARTAMENTO)ORA CON INGRESSO LATO STRADA(QUELLO LATO SACALE LO HA MURATO) PUO' SOTTRARSI ALLE SPESE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLA CENTRALE TERMICA E DEL GIARDINO CONDOMINIALE.
    IL GARAGE E' STATO ACCATASTATO REGOLARMENTE.
    SICCOME HO LETTO CHE ESISTONO PATRI COMUNI SUSCETTIBILI D'USO SEPARATO CHE ESONERANO A TALI SPESE, QUESTE APPENA CITATE RIENTREREBBERO?
    CHI DECIDE TALE ESONERO?

    GRAZIE E BUON LAVORO.
    • Re: PROBLEMA CON UN GARAGE di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 16:26.
      Salve SIg. Dario,

      dipende se trasformando l'appartamento in garage e' stato autorizzato anche al distacco dalla centrale termica.

      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: COMPETENZA DELL'AMMINISTRATORE di DARIO del 04/10/2003, 19:53
    Quesito: LA CALDAIA, COME MANUTENZIONE E' GESTITA DA UNA DITTA PRIVATA.
    L'AMMINISTRATORE HA RESPONSABILITA' SULLA CALDAIA CENTRALIZZATA E SUI SUOI DOCUMENTI DA AGGIORNARE? (ESEMPIO IL NUOVO DECRETO DEL 17 MARZO 2003 RELATIVO AI NUOVI LIBRETTI ECC.)
    • Re: COMPETENZA DELL'AMMINISTRATORE di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 16:23.
      Salve Sig. Dario,

      l'amministratore deve avvertire la ditta manutentrice per l'aggiornamento.

      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Impianto di climatizzazione. di Domenica78 del 04/10/2003, 14:46
    Quesito: Buongiorno.
    Abito in un condominio, composto da 10 appartamenti; quest'anno nell'assemblea del mio condominio è stato approvata la proposta di sostituzione dell'impianto di riscaldamento da centralizzato ad autonomo.
    Si era stabilito che le caldaie venivano messe ognuna nel proprio balcone, per motivi estetici del palazzo.
    Uno dei condomini sta installando il condizionatore, nulla in contrario, ma il problema è che lo sta installando al di fuori del proprio balcone, in una parete che confina col suo interno, ma che a mio avviso fa parte di tutto il condominio, perchè è parte esterna. Io mi chiedo: si può installare? e se si, non doveva chiedere la preferenza agli altri condomini?
    Nell'attesa di una sua risposta le porgo i miei più cordiali saluti.


    Domenica78
    • Re: Impianto di climatizzazione. di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 16:22.
      Salve Sig.ra Domenica,

      in questi casi bisogna chiedere il consenso assembleare.

      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: infiltrazioni e amministratori di de marinis marilena del 03/10/2003, 19:21
    Quesito: Preg.mo Sig. Di Meo,
    Le scrivo per avere un parere riguardo la situazione condominiale in cui, mio malgrado, sono venuta a trovarmi. Sintetizzare in poche parole quanto sta accadendo non è affatto semplice. A gennaio del 1999 ho acquistato un appartamento direttamente dal costruttore, il quale a distanza di poco più di due anni è fallito (giugno 2001). Questi abita in un attico il cui terrazzo, ca. 160 mq., occupa l’intera superficie del mio appartamento. Verso marzo del 2002 si è verificata una grave infiltrazione di acqua in una stanza della mia abitazione (si vedeva scorrere l’acqua sulla parete), tale da arrivare nei tre piani sottostanti, seppure con conseguenze minori rispetto a quelle da me verificate. Il problema è che il costruttore da quando è fallito, si è reso irreperibile, non apre a nessuno, non ritira la corrispondenza; a febbraio il suo appartamento è stato messo in vendita all’asta e acquistato da una persona che ho prontamente contattato. Il vecchio amministratore (che il 1° agosto abbiamo dovuto sostituire in quanto autore di “ruberie” sul c/c condominiale) sosteneva che è da rifare l’impermeabilizzazione del terrazzo soprastante il mio appartamento.
    Dopo questo “breve” quadro della situazione Le chiedo:
    - è corretto procedere all’impermeabilizzazione del terrazzo o c’è un altro sistema che può essere adottato;
    - le spese da sostenere devono essere sostenute solo da chi, in linea d’area, è coperto dal terrazzo in questione (il nuovo proprietario dell’attico, la sottoscritta – 3° piano – dai proprietari degli appartamenti del 2° e 1° piano e dal proprietario del negozio sottostante);
    - dato che vorrei approfittare dei lavori per isolare acusticamente e termicamente il terrazzo, dovrò essere io a sostenere l’onere di spesa in più che si verrà a creare?;
    - qual è il modo corretto di procedere in questa situazione;
    - ho inoltre, infiltrazioni in cantina derivanti da un marciapiede condominiale male impermeabilizzato e pur avendo più volte sottolineato la cosa al vecchio amministratore, non vi ha mai posto rimedio dicendo che il problema sarà risolto al termine della procedura fallimentare che ha coinvolto il condominio: che fare?.
    Scusandomi anticipatamente per l’eccessiva prolissità e le troppe domande, attendo con ansia e fiducia una sua pregiatissima risposta.
    De Marinis Marilena
    • Re: infiltrazioni e amministratori di Ivano Di Meo del 07/10/2003, 09:22.
      Salve Sig.ra Marilena,
      Art. 1126 (Lastrici solari di uso esclusivo)
      Quando l'uso dei lastrici solari o di una parte di essi non è comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l'uso esclusivo sono tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico: gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno.

      Tale articolo chiarisce la ripartizione delle spese, ma in caso di cattiva manutenzione da parte del proprietario del lastrico le spese sono in teramente a suo carico.

      Lo stesso vale per la cantina, solo che in questo caso tutto il condominio e' coinvolto.




      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: Informazione Preventivo.... di Annamaria del 03/10/2003, 14:57
    Quesito: Salve SIg. Di Meo,

    le chiedevo un preventivo per un condominio di 20 condomini.

    Cerchiamo un amministratore per Dicembre.

    Ringraziandola la Saluto

    Annamaria Forconi
    • Re: Informazione Preventivo.... di Ivano Di Meo del 03/10/2003, 15:30.
      Salve Sig.ra Annamaria,

      per il preventivo mi servirebbe una descrizione del suo condominio ed una email con recapito.

      La Saluto Distintamente


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

  • Titolo: E' ARRIVATO UN ROTTWEILER!! di MIRKO del 03/10/2003, 12:26
    Quesito: Buongiorno. Abito in un condominio a 3 piani all'ultimo piano. Il vicino a fianco ha portato a casa un Rottweiler di cui tutti conosciamo la pericolosità e l'ha piazzato nel balcone che confina con il mio che è diviso da una lastra di cemento alta 2 metri ma è comunque comunicante perchè abbiamo una vasca per le fioriere a fianco della lastra verso l'esterno. Vorrei sapere se posso imporre di fargli mettere delle protezioni per impedire lo scavalcamento e se queste protezioni dovessere fare a pugni con l'estetica di obbligarlo a mettere il cane in un altro balcone che hanno e che non è comunicante con altri.
    Inoltre non hanno nessuna intenzione di farlo circolare nelle parti comuni con guinzaglio e museruola; in mancanza per il momento di un regolamento condominiale (siamo 9 appartamenti) quali sono le strade per obbligarli??
    Distinti saluti.
    • Re: E' ARRIVATO UN ROTTWEILER!! di Ivano Di Meo del 03/10/2003, 14:13.
      Salve Sig. Mirko,

      non si puo' impedire che si tenga un cane sciolto nella propria abitazione.

      La legge pero' vieta che si conduca il cane in locali comuni senza guinzaglio.

      Deve intervenire l'amministratore in questo caso.

      Mi tenga informato anche via Email


      L'Amministratore Condominiale di Roma e Provincia

      Ivano Di Meo

Pagina: 26 di 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 |