Novembre 2006 Archives

Leggo su Punto Informatico che la ONLUS Vivi Down ha sporto denuncia per diffamazione e il PM Francesco Cajani di Milano, dopo l'iscrizione nel registro degli indagati dei rappresentanti di Google, ha disposto la perquisizione dell'azienda.

La vicenda e la denuncia nasce dopo la messa on line di un video tramite il servizio Google-video dove si vede un gruppo di ragazzi compiere atti di bullismo e di violenza su un ragazzo down.

Io sono dell'idea che i video sono una grossa opportunità positiva e che danno a tutti la possibilità di esprimere il proprio talento e le proprie idee nel bene e nel male. Se le aziende e i soggetti che contribuiscono a migliorare la nostra esistenza con nuove iniziative e nuove idee come i video, vengono denunciati, puniti e incriminati, allora vuol dire che abbiamo perso il buon senso e il senso della ragione e della giustizia.

Ritengo ingiusto incriminare Google, anzi, il video incriminato visibile attraverso il servizio Google-video ha evidenziato una realtà, quella del bullismo, che c'è da sempre, fin dai tempi di Gesù, non solo nella scuola, ma dappertutto, mettendo a nudo una realtà che l' ipocrisia dei media tradizionali come Tv e giornali, difficilmente avrebbe portato a galla.

Anziché denunciare per diffamazione un mezzo che io non considero responsabile, la Onlus in questione avrebbe fatto meglio a denunciare i genitori di quei ragazzi, responsabili di non aver saputo dare valori in cui credere a quei ragazzi.

Secondo me il principale responsabile di quegli atti di bullismo non è il mezzo, non è Internet, non è Google, ma è la società falsa e ipocrita in cui viviamo, società fatta di programmi TV e telenovele, tutti programmi offerti dalla TV di Stato, dietro pagamento di un canone, evidentemente poco educativi e psicologicamente deleteri per le giovani menti ancora in formazione.

Il principale responsabile è la burocrazia inutile di questo Stato chiamato Italia che toglie spazi e tempo alle famiglie e ai genitori che non trovano più il tempo per stare con i loro figli, per poter dare loro una educazione seria e dei valori in cui credere, abbandonandoli invece davanti alla TV e ai suoi programmi spazzatura.

Agg. del 29/11/06
Per dimostrare che Internet non è quello che si vuol far credere, propongo di fare una offerta alla Vividown.org ai fini della loro missione di sostegno ai disabili.

Archives

Creative Commons License
This blog is licensed under a Creative Commons License.
Powered by Movable Type 4.35-en